Archivio mensile:aprile 2017

CORPO SOCIALE E AZIONE COREOGRAFICA

corpo-sociale-e-azione-coreografica
Ciclo di 6 incontri settimanali
Gesto, consapevolezza, creatività, danza

La danza è elemento sociale, modalità di condivisione del vissuto collettivo ed individuale, elemento che arricchisce e forma la nostra cultura tra identità ed appartenenza. Nasciamo da una relazione, viviamo in un mondo di relazioni con gli altri fatta di codici non verbali, di gesti, suoni ritmi, fatta di corporeità. La creatività influenza ed è influenzata dalla personalità, dalle relazioni sociali, dagli aspetti cognitivi ed emotivi. il legame fra creatività e stato emotivo è molto più complesso di quanto appaia poiché sembra essere regolato dall’interazione fra valenza edonica, attivazione emotiva e motivazione. Entrare in una azione coreografica e teatrale che possa tradurre in azione scenica la danza collettiva, diventa una azione di restituzione artistica della vita del gruppo.

 

Un percorso di crescita personale in gruppo per uno sviluppo psicocorporeo con tecniche di DanzaMovimentoTerapia, Danza Movimento Relazionale-Creativa (metodo F. Battista)Ó e Counseling al fine di poter accrescere, le proprie possibilità di trasformazione ed evoluzione.

Il corso è rivolto a chiunque abbia interesse, sia che si abbia esperienza di pratiche corporee sia ai principianti. GRATUITO PER PERSONE MIGRANTI E GIOVANI FINO AI 25 ANNI.

 

Fernando Battista, danzatore, coreografo, insegnante, DanzaMovimentoTerapeuta (Associazione Professionale Italiana Danzamovimentoterapia), Counselor Espressivo ASSOCOUNSELING ai sensi della L. 14/01/2013 N. 4, docente scuole di formazione DMT-APID Trainer A.S.P.I.C., ideatore e trainer del metodo DanzaMovimento Relazionale-Creativa (Metodo F. Battista)©

Ogni lunedì dal 8 maggio

dalle ore 19.30 alle ore 21.00

fino al 18 giugno

presso

Cantieri Scalzi

Via Pistoia 1/b -Roma-(M Re di Roma– Linea A)

 

Prenotazione obbligatoria entro il 3 maggio – posti limitati

Riduzioni per iscritti in formazione DMT e Counseling

 

 

Per informazioni e prenotazioni: corpisensibili@tiscali.it web: www.corpisensibili.com

FORMAZIONE INTERCULTURA IN DANZA E TEATRO COMUNITARIO PIACENZA

SVEP                 Pluriculturedipace.tk                    Corpisensibili

promuovono

FORMAZIONE INTERCULTURALE

 ATTRAVERSARE LA DIVERSITA’ CULTURALE

con TEATRO E DANZA 

copia-di-formazione-interculturale-def 

27 e 28 maggio 2017

PIACENZA

 

Vediamo l’arte come momento di indagine e conoscenza,

di simbolizzazione del vivere e delle relazioni,

di cambiamento e trasformazione del conflitto,

di ridefinizione delle identità in un nuovo contesto di vita”

I formatori:

Fernando Battista (corpisensibili.com) e

Ilaria Olimpico (pluriculturedipace.tk)

 

La relazione interculturale e’ una sfida che presenta opportunita’ di crescita personale e sociale, di ampliamento delle prospettive, di sviluppo della creativita’ culturale e della capacita’ di trasformazione nonviolenta dei conflitti.

Il gioco e le arti possono essere strumenti efficaci di indagine della realta’ personale e sociale e della sua trasformazione. Teatro, danza, espressione corporea, gioco, creano un ambiente protetto in cui potersi esprimere e confrontare, in cui apprendere coinvolgendo la sfera cognitiva, emotiva e relazionale.

Questa formazione è dedicata a esplorare e ad apprendere, in modo esperienziale, elementi di Danzamovimentoterapia, Counseling e Teatro dell’Oppresso, quali strumenti per una relazione interculturale consapevole e sensibile.

 

Info e registrazione obbligatoria:

cecilia: 3295645465

martina: 346 3901059

cecilia_fava88@yahoo.it

Sabato 27 maggio, ore 10-19 e domenica 28 maggio, ore 9-13

S.V.E.P. – Centro di Servizio per il Volontariato di Piacenza
Via Capra 14/c – 29121 Piacenza – (PC)

 

ANIME MIGRANTI # PROGETTO PER L’EDUCAZIONE E L’INTERCULTURA

ANIME MIGRANTI Progetto Intercultura di danza e arte comunitaria SI PARTEEEE!!!!
Al via oggi presso l’ass.ne LAB53 Onlus in collaborazione con l’ITT L. Bottardi e Corpisensibili, il laboratorio che vedrà impegnati 15 studenti della scuola con altrettanti ragazzi rifugiati in un laboratorio di danza, arte, ritmo corpo e parole e ….. Entusiasmo alle stelle!!! La danza viaggia al di qua delle parole, i sorrisi, la gioia, il riconoscersi va oltre il conosciuto, ed entra dentro. Il ritmo sostiene la pulsazione, il cuore batte con i nostri piedi e le mani, nomi, saluto, serpentone… e subito la lingua non è più un problema, il linguaggio del corpo entra in scena e ci cavalca, ci avvolge, ci coccola, ci da carica ed energia. Ti conosco e ti riconosco…. libertà, famiglia, casa, amore, sono alcune delle parole che circolano… ti vedo e ti ritraggo…. e così si chiude il sipario sul primo appuntamento. Il sipario dentro di noi è stato appena tirato su… ed è uno scenario del tutto nuovo e straordinario. GRAZIE RAGAZZI!! Nessun luogo è lontano!!

img_2090 img_2092 img_2093 img_2094

ANIME MIGRANTI secondo atto #
ed è di nuovo giovedì…Finalmente si ritorna al casale e stavolta nuovi studenti si uniscono al gruppo…. ancora sensazioni di curiosità, iniziale vergogna e scoperta negli occhi dei nuovi, mentre gioia e curiosità abitano gli sguardi di chi già ha avuto il suo battesimo. Ma non c’è tempo… il serpente è già partito, i sorrisi aprono i volti e cercano spazio, proprio come i corpi, tanti oggi, circa 35 che corrono tra le stanze ed i corridoi rincorrendosi festosamente… gli ultimi ghiacci si sciolgono con il saluto rituale che accompagna i gesti mentre il ritmo sostiene il cuore…. come ti chiami? io Davide, Flavia, Aurora, Marwan, Damiano…. e tu? Mussa, Mohamed, Omar, Babà, Ali Can…. il nome si ricorda.. o forse non ancora, ma non importa… c’è tempo… e poi viaggiamo insieme chiudo gli occhi… mi fido di te… ed il viaggio continua con la valigia del tempo che ci fa raccontare, fantasticare, scrivere… la lingua non è un problema, ci si capisce oramai ed il viaggio continua… Grazie ancora a tutti voi per la gioia nei vostri occhi…img_2088 img_5966

ANIME MIGRANTI… 3 incontro… dopo una pausa di 15 giorni, la sete è ancora più grande…la voglia di ritrovarsi…ritrovare quel luogo, quei sorrisi, la danza…. si arriva felici anche perchè la scuola è chiusa, ma questo è un dettaglio, la vera felicità è essere di nuovo li, in quel posto dove si comincia a sentire la fratellanza, il gruppo… e si parte!!! serpente lungo lungo, buongiorno, salamalekum e tante lingue da imparare nel saluto… mi sento e mi vedo in te e ti racconto di me… piano piano… ma non importa se non capisci… io ti dico di me e tu stammi vicino… seguimi…. da dove vieni? cosa ti piace e cosa butti via?? pace, guerra cultura, politica, ingiustizia, famiglia, amore, bellezza ma anche roma, mare, sole e….. tante cose ci siamo detti oggi con e senza parole e …. cosa vuoi dire alla fine di questo incontro?? Davide…cento di questi giovedì e Marwan Mohamed… gratitudine e bellezza…. fratellanza… amore e sorrisi e abbracci e …
ancora una volta mi ritrovo qui a sorprendermi di tanta gioia… la scuola di periferia? un mondo di umanità da scoprire… i ragazzi migranti? un mondo di umanità da condividere…. grazie a tutti voi se stasera ho sempre un sorriso stampato sulle labbra….

img_2122 img_2123 img_2130 img_2134 img_2140 img_2147 img_2157 img_2172

ANIME MIGRANTI…. atto quarto… è di nuovo giovedì …. si torna al casale per ritrovare la “famiglia” come dice Giulia 17 anni, che mentre arriva non vede l’ora di essere li…. Buongiorno! Come stai? e si parte parlando lingue diverse, nuove, curiose…. e parte il serpente ancora più lungo stavolta… e partono i sorrisi… le grida di gioia… ciao!! ciao!! che bello ritrovarti!!…qualcuno sul ritmo tribale che parte per il tradizionale saluto inizia a reppare…. e tutti dietro con il nostro she she she!!!… che belli che sono questi volti che ridono… si riconoscono… si divertono… ragazzi e ragazze uomini e donne ma l’età non conta … la famiglia non fa distinzioni di sorta… e allora chi guida?? lui! no l’altro! no io!! … i più coraggiosi prendono l’iniziativa di condurre il gruppo nel proprio mondo e la festa continua… ci ritroviamo nel cortile … siamo davvero tanti … 35?… 40? il numero non ci spaventa…. ma… una linea ci separa… divide in due il gruppo…posso guardarti ma non toccarti … il corpo parla… gesti che raccontano di una vita…un saluto… una preghiera… un gioco… l’emozione attraversa tutta la linea di confine e si sente nell’aria, si respira addosso…. è ora di andare … andare a cercarti, toccarti, abbracciarti, sorridere, stare insieme…. libertà?? cos’è? che significa? prendiamoci la libertà di disegnarla, scriverla, e i colori partono da soli e attraversano anche i volti… i nasi… le labbra…gli occhi… i cuori… libertà è pace… musica… amore… non è guerra…. papà… pensare… rivoluzione…libertà è partecipazione direbbe il poeta… libertà di stare insieme, conoscere, crescere, riconoscersi, danzare e gli occhi si illuminano ragazzi… ancora una volta cambiate il nero in bianco multicolore… gli occhi ed il cuore luccicano e a casa…. brillano… ci vediamo giovedì prof!!! Ciao ragazzi…. Inshallah!!!

img_2468img_2499 img_2498 img_2474
img_2464 img_2358 img_2352 img_2327

ANIME MIGRANTI un diario di Bordo di Aurora, una alunna che partecipa al laboratorio. La freschezza, la spontaneità e le riflessioni di questi ragazzi e ragazze sono una cosa meravigliosa… Se ne avete voglia leggetelo e commentate. Aurora ci legge e sarà felice come felice è stata quando le ho chiesto se potevo pubblicarlo.

DIARIO DI BORDO.

Che giornata! Spettacolare direi.
È iniziata con un momento meraviglioso di condivisione, cioè il pranzo. Il cibo era buonissimo e mi sono sentita quasi nel paese di ognuno in un locale tipico ad assaggiare specialità, ho viaggiato molto con la fantasia. Poi c’è stata l’attività dell’eco dove vi sono divertita da morire, e alcune parti, movimenti mi hanno fatto molto riflettere, ma in particolar modo quando più che l’eco, abbiamo risposto con ciò che pensavamo. Poi sono stati rimessi i confini, e in quel momento ho provato una fitta al cuore, come se venissi realmente divisa da qualcuno o qualcosa..Poi abbiamo usato le sensazioni e le emozioni. Li ho liberato tutte le energie che avevo per dare il massimo ma mi sono resa conto di quanto io pensassi limitato perché dopo due volte avevo esaurito i movimenti per “esprimere amore/rispondere con affetto” e ne ho anche apprese tante altre, solo guardandomi intorno.
Nel gioco con le palline invece ho usato molto la fantasia per passarle nel modo più strano possibile. Ed anche lì mi sono resa conto che ne avevo persa parecchia, e quindi anche questa volta mi sono girata intorno, ho dato un’occhiata e poi mi sono “sbloccata”.
Nell’ultima attività, quella della foto invece, mi sono sentita veramente in un gruppo. Ci stava alijan che prendeva in giro Giulia per esempio, o comunque ci si prendeva in giro a vicenda. Ho provato gioia, spensieratezza, e anche dolcezza, voglia di scherzare. L’ostacolo della lingua è stato superato, e si sono venute anche a mischiare le tradizioni e le culture, i pensieri, i modi di vivere, e la passione nell’antifascismo.
Come al solito quando mi trovo nelle attività viaggio con la mente, con la fantasia, e mi sento sempre una persona migliore di quella che sono tutto il giorno.
Non smetterò mai di ringraziarla prof per questa splendida occasione che mi ha concesso.

Aury18320451_10207029732380623_3051112597721356899_o

ANIME MIGRANTI incontro sesto…. stavolta è l’ultimo al casale, ci ritroveremo a scuola per gli ultimi incontri e questo è già un saluto… questi ragazzi…. ogni volta è una sorpresa…. una gioia vederli sorridere…. danzare…. emozionarsi… ogni volta è una dolce carezza al cuore…. vi lascio leggere due momenti tratti dai diari di bordo…

Uguaglianza. È stata questa la mia parola conclusiva all’interno del casale. Uguaglianza. Sono tante le emozioni che mi porto via con me, partendo dal principio è stata un’esperienza positiva, nuova e che sicuramente mi ha fatto crescere . Mi ha fatto sentire uguale a loro. Perché fondamentalmente, non ho nulla in più e nulla in meno di loro. Ne io e ne nessun altro. Siamo tutti inevitabilmente uguali. Abbiamo tutti due occhi, due braccia, due gambe, un naso, due orecchie, una voce, un carattere, un cuore. È il cuore quello che ci rende uguali. Non vedere il nemico non vedere la differenza, vedere un amico. Un amico, che non ha molto da offrirti, che forse saprà due parole da dire in lingua italiana, ma ha sicuramente amore da darti.
Giulia 

e ancora…

questo progetto mi mancherà tantissimo e veramente mi ha cambiato in testa e nel cuore.. zero pregiudizi.. accoglienza e uguaglianza. Ma soprattutto mi ha fatto scoprire una cosa nuova in me: la fiducia. Verso gli altri e in me stessa.
F.

E i miei occhi tradiscono emozioni….

18319258_10207062307354977_4123006280036850709_o

ANIME MIGRANTI ULTIMO ATTO…. cala il sipario su quello che è stato un viaggio straordinario tra corpi e cuori…. la commozione e la gioia si alternavano tra mille abbracci e sorrisi e occhi lucidi… e io sono qui a raccontare quello che provo e a dirlo a voi ragazzi di ogni terra e colore… abbiamo viaggiato insieme e voi siete stati la migliore compagnia che abbia potuto immaginare…tra i suoni la danza, i corpi, le speranze, la fantasia, la creatività, la libertà, i sogni, e gli abbracci…. avete sentito e visto tante cose dentro di voi in questo viaggio ed avete scoperto qualcosa di più nella vostra giovane vita che difficilmente dimenticherete… il mio augurio è che questa esperienza possiate portarla nella vostra vita come qualcosa che diventi il vostro modo di vivere ogni attimo della vostra esistenza …. siate curiosi…. cercate di scoprire… conoscere…. amate ogni momento… anche quelli difficili… fate battere il cuore e sentite la forza della terra… offrite rispetto alle persone e sarete rispettati… lasciate scivolare la tristezza perchè dopo la tempesta esce il sole…e siete voi il sole della vostra esistenza … vivete con dignità e fierezza in ogni sguardo…. in ogni battito del cuore… incontrate le persone che avete conosciuto in questi incontri che continuano a vivere dentro di voi e rispettate chiunque incroci il vostro cammino… esseri umani, animali, l’ambiente che vi circonda … vivete con amore e siate esempio per altri ragazzi ed adulti… portate il sorriso come arma… e ogni giorno portate gratitudine per quello che è stato…. vivete con impegno e passione e così farete della vostra vita un’opera d’arte… vi voglio un gran bene e sarete sempre con me. Prof. Fernando
 18527136_10207131112595065_4525066475312972177_o